Ardara, Chiesa Parrocchiale della Nostra Signora de su Regnu

Narrazione:

Vi sono edifici che, per la loro collocazione paesaggistica, sembrano svolgere la funzione di vere e proprie sentinelle: baluardi posti a salvaguardia del territorio circostante, punti di riferimento preziosi per tutti coloro che vivono o attraversano quei territori.

La chiesa di Santa Maria del Regno è una di queste ‘sentinelle’, non a caso originariamente connessa con il vicino palazzo giudicale di Ardara, sede dei Giudici di Torres, di cui ormai si conservano solo alcuni tratti murari. 

Questa chiesa, una delle più note e significative del romanico sardo, era una “cappella palatina”, cioè appartenente a una famiglia regnante e non alla Chiesa cattolica. Santa Maria del Regno era infatti proprietà dei Giudici di Torres e vi si svolgevano cerimonie e incoronazioni.

La costruzione dell’edificio risale all'XI secolo e fu conclusa verso gli inizi del XII secolo così come sembrerebbe confermare l'epigrafe relativa alla consacrazione dell'altare maggiore che reca l’anno 1107.

La chiesa, imponente e al contempo di estrema essenzialità, è a tre navate. La facciata, divisa in cinque specchi da lesene, accoglie il portale con arco a sesto rialzato, e una bifora. Il campanile, a pianta quadrata, oggi incompleto a causa di vari crolli, è addossato al fianco nord della struttura.

L’interno è segnato dalla presenza di pilastri cilindrici posti a sostegno di arcate; sui quali, nel XVII secolo, furono collocati una serie di pannelli raffiguranti un santo o un apostolo. Le navate laterali sono coperte da volte a crociera, mentre quella centrale presenta una copertura in legno.

L’abside accoglie il Retablo Maggiore di Ardara, polittico degli inizi del XVI secolo firmato dall’artista Giovanni Muru.

Austerità e potenza: ecco il dono che portiamo via con noi, salutando questa chiesa.

Visita virtuale

Bibliografia:

G. Spano, "Ardara e sua chiesa, antica reggia dei giudici di Torres", in Bullettino Archeologico Sardo, VI, 1860, pp. 17-23;
D. Scano, Storia dell'Arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 111-121;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 106-109;
F. Tedde, Ardara capitale del giudicato di Torres, Cagliari, E.Gasperini, 1985;

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 213-224;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, 1993, sch. 9;
R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 93-101;
F. Poli, Ardara. La chiesa palatina di Santa Maria del Regno, Sassari, Carlo Delfino editore, 2015

Comune:

Ardara SS

Indirizzo:

Piazza Nostra Signora del Regno

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This