Itinerario della Croce

Da Santa Giusta a Bidonì

Il richiamo alla croce che segna questo itinerario è così eloquente da non richiedere ulteriori spiegazioni. 

Il viaggio comincia con l’ex cattedrale di Santa Giusta (prima metà XII secolo), notevole per molteplici ragioni, non ultima l’utilizzo di una tecnica costruttiva riferibile a quella adottata nei cantieri della cattedrale di Santa Maria a Pisa. 

Ci dirigiamo poi a Cabras, nella penisola del Sinis, per godere della visita alla chiesa di San Giovanni. Ubicata lungo la strada che conduce agli scavi della città di Tharros, la sua edificazione risale all’età bizantina (VI-VII secolo) con un successivo ampliamento nella prima epoca romanica (XI secolo). 

Il nostro cammino ci porta, in seguito, a incontrare la chiesa di San Lussorio a Fordongiànus (fine dell’XI – inizi del XII secolo), caratterizzata dall’impiego di una pietra vulcanica locale di color rossastro. 

Ci rechiamo quindi a Solarussa, per ammirare l’essenziale bellezza della chiesa di San Gregorio Magno. 

Viene ora il turno della chiesa di Santa Sofia a San Vero Milis, che ci attende per raccontarci la propria storia edilizia ampia e articolata. 

La tappa successiva è la chiesa di Milis dedicata a San Paolo, dotata di una spettacolare facciata costruita in opera bìcroma, alternando filari in calcare e in basalto. 

È la volta ora della chiesa di San Leonardo di Siete Fuentes, a Santu Lussurgiu, che già nel nome manifesta il proprio profondo legame con le fonti sorgive presenti nell’area. 

Andiamo poi ad ammirare la chiesa di San Pietro di Zuri a Ghilarza, testimonianza di un’ardita impresa di salvataggio: negli anni ‘20 del secolo scorso la chiesa e tutto il paese, che sorgevano lungo le rive del Tirso, furono trasferiti più a monte, per evitarne la sommersione a seguito della creazione del bacino artificiale del lago Omodeo. 

Chiudiamo il nostro viaggio con la visita della chiesa di San Pietro a Bidonì, un significativo esempio del romanico cosiddetto “minore”.

Itinerario della Croce

Santa Giusta, Santa Giusta
Cabras, S. Giovanni di Sinis
Fordongianus, S. Lussorio
Solarussa, San Gregorio Magno
San Vero Milis, Santa Sofia
Milis, San Paolo
Santu Lussurgiu, S. Leonardo di Siete Fuentes
Ghilarza, S. Pietro di Zuri
Bidonì, S. Pietro

Potrebbero interessarti anche

Le parole sono soglie

Le parole sono soglie

Le parole sono soglie. Attraversandole, riusciamo ad accedere alla realtà per assumere lo specifico punto di vista che proprio la parola incarna e rende esplicito. Questa è la funzione che intendiamo attribuire ai nomi dei nostri itinerari: evocare una pluralità di ...

Itinerario del Drago

Itinerario del Drago

Da Dolianova a Samassi Il nome di questo itinerario rende omaggio al drago, una figura mitologica presente in tanti edifici sacri medievali.  Ne incontriamo alcune manifestazioni scultoree nella chiesa di San Pantaleo a Dolianova, importante testimonianza...

Itinerario delle Reliquie

Itinerario delle Reliquie

da Usellus a Gesico Il nome scelto per designare questo itinerario richiama all’attenzione il tema della ricerca delle reliquie, che tanto ha segnato la storia medievale.  Non è quindi un caso che il nostro viaggio prenda avvio con la chiesa di Santa Lucia a...

Share This