Villaputzu, Chiesa di San Nicola Quirra

Narrazione:

La quasi totalità delle chiese romaniche che compongono il mosaico isolano sono state edificate utilizzando la pietra come materiale da costruzione.

Ma abbiamo due importanti eccezioni a questa regola, costruite utilizzando il mattone cotto: San Gavino di Lorzia, a Bono, e l’edificio che ci accingiamo a conoscere, la chiesa di San Nicola di Quirra, ubicata nelle vicinanze dell’omonimo castello. 

Purtroppo, non abbiamo notizie documentarie relative alla costruzione della chiesa, ma pare plausibile collocare la sua realizzazione tra la seconda metà del XII secolo e gli inizi del XIII. 

Dagli studi è emerso che per la progettazione dell’edificio sono stati utilizzati, come metodo di misurazione, la “canna toscana” e la "quadratura".

L’aula a una sola navata, e con abside orientata a est, è coperta da un tetto in legno su capriate che si appoggiano a cornici decorate da incisioni con motivi geometrici.

Su ogni fianco si aprono due monofore e un’altra monofora si apre nell'abside, che è arricchita da una serie di archetti impostati su peducci decorati anch'essi con motivi geometrici.   

Una serie di archetti movimenta gli spioventi del frontone est, i fianchi della chiesa e la facciata, che viene così modulata in due settori al centro dei quali si apre il portale. 

La facciata raggiunge il suo culmine con un suggestivo campanile a vela con apertura ogivale che rende ancor più affascinante la chiesa di San Nicola di Quirra. Rivolgiamole, ora, un saluto, grati per ciò che ci ha donato.

Bibliografia:

V. Angius, "Chirra", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, V, Torino, G. Maspero, 1839, pp. 20-25;

S. Rattu, La chiesa di San Nicola di Quirra in Sardegna, Torino, 1942;

R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, p. 135;

F. Fois, "Il castello di Quirra, rocca dei Carroz. Contributo alla storia delle fortificazioni in Sardegna", in Studi Sardi, XXIII, 1973-74, parte I, pp. 217-227;

G. Cavallo, "Nuove acquisizioni sulla chiesa di San Niccolò di Quirra", in Studi Ogliastrini, II, 1984, pp. 51-69;

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 351-352;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 64;

R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 285-286;

N. Paschina, "Le quadrature nei peducci della chiesa di San Nicola di Quirra", in Ricerche sulla scultura medievale in Sardegna, a cura di R. Coroneo, Cagliari, AV, 2004, pp. 107-122;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 100.

Indirizzo:

SS 125 - 09040 Villaputzu

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This