Usini, Chiesa Santa Croce

Narrazione:

Nonostante la forte presenza dell’architettura romanica in Sardegna, lo stupore per la bellezza di questo stile non cessa mai di cogliere l’animo dei viandanti che vi si imbattono, per intenzione o per puro caso. 

È così che ci sentiamo al cospetto della chiesa di Santa Croce: stupiti dalla sua bellezza semplice. 

Conosciuta anche come “Santa Maria del Cimitero” o “Madonna de s'Ena frisca” (della sorgente fresca), la chiesa di Santa Croce è retta dalla confraternita di Santa Croce, da cui deriva la denominazione attuale. 

Notizie documentarie della "sancta Maria d'Usune" sono presenti nel "Condaghe di San Pietro di Silki" (XI-XIII secolo), ma non forniscono informazioni sulla data di edificazione, presumibilmente avvenuta in due distinti momenti tra la fine del XIII secolo e il XIV secolo, per rispondere alla necessità di ufficiare i riti in quell’area dove si stava estendendo l’abitato, in direzione della piazza Castello. 

Della chiesa romanica originaria, realizzata in pietra calcarea, con aula mononavata e abside orientata a est, rimangono la facciata e parti dei fianchi conclusi da una cornice e da una teoria di archetti su peducci; la cornice prosegue orizzontalmente in facciata, a segnare il frontone.

Gli spioventi sono decorati con una serie di archetti stretti e allungati, a sesto acuto, presenti anche al di sotto della cornice. 

Il transetto e le finestre a sesto acuto appartengono alla seconda fase edilizia. 

A successivi interventi risalgono una serie di cappelle, la sagrestia e la torre campanaria.

Purezza e eleganza: ecco il ricordo che porteremo con noi della chiesa di Santa Croce.

Bibliografia:

V. Angius, "Usini", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, XXIII, Torino, G. Maspero, 1853, p. 435;

M.C. Cannas, "Decorazioni scultoree nelle chiese cistercensi della Sardegna", in I Cistercensi in Sardegna. Aspetti e problemi di un Ordine monastico benedettino nella Sardegna medioevale, a cura di G. Spiga, Nuoro, Amministrazione provinciale di Nuoro, 1990, pp. 250-254;

G. Sanna, Usini. Ricostruzione storico-descrittiva di un villaggio del Logudoro, Ozieri, 1992, p. 95, pp. 106-110;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1992, sch. 116;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 27.

Indirizzo:

Chiesa Santa Croce, Usini, SS, Italia

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This