Siligo, Chiesa Santa Maria di Bubalis

Narrazione:

Accade spesso che edifici e strutture antiche vengano riutilizzate o, a volte,  addirittura smontate interamente per recuperare materiale da costruzione da impiegare per nuovi edifici: è il fenomeno del ‘riuso’, una delle manifestazioni più tipiche del processo di continua trasformazione che caratterizza la vita e quindi anche le culture umane. 

La chiesa di Santa Maria di Mesumundu ci offre una testimonianza indicativa in tal senso, perché è stata edificata sui ruderi di antiche terme romane di età tardoimperiale. 

Ma l’edificio presenta anche altri elementi di originalità sia nell’impianto planimetrico sia nell’impiego della tecnica costruttiva ad opus listatum, realizzata con l’alternanza di filari in mattoni rossi e filari di pietre in basalto. 

L’impiego di questa tecnica muraria può essere considerata la prova di un’origine bizantina dell’edificio, come certificano anche le sepolture rinvenute nei dintorni. 

Il rinvenimento di un’iscrizione del VII secolo fornisce un termine cronologico significativo per la datazione dell'impianto originario. 

Si ritiene certa l’identificazione di questa chiesa con quella di Santa Maria di Bubalis, donata all’abbazia di Montecassino, nel 1065, dal giudice turritano Torchitorio Barisone I de Lacon-Gunale. 

All’età giudicale risale un ampliamento della struttura, con la realizzazione delle absidi in conci basaltici e l'entradosso rientrante rispetto al filo d'imposta. 

La planimetria della chiesa è vagamente cruciforme: l’effetto è ottenuto dal raccordo tra quattro corpi di fabbrica di forma diversa e una rotonda centrale di altezza superiore. 

Una piccola abside si apre nel muro est del braccio nord-est; altre due absidi, di differenti dimensioni,  si aprono a nord-est e a sud-ovest. 

L’impiego in alcuni tratti murari della tecnica “a sacco” è riferibile alle opere databili all’XI secolo. Ad epoche diverse vanno infine ricondotte le grandi luci aperte sul lato sud-ovest e la monofora presente sul vano nord. 

L’originalità di questo luogo di culto sorprende ogni volta che lo si guarda.

Bibliografia:

D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 217-221;

R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 82;

G. Maetzke, "Siligo (Sassari). Resti di edificio romano e tombe di epoca tardo imperiale attorno a Santa Maria di Mesumundu", in Notizie degli Scavi di Antichità, XIX, 1965, pp. 307-314;

R. Caprara, "Tarda Antichità e Medioevo", in Il Museo Sanna in Sassari, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1986, pp. 169-184;

R. Caprara, "L'età altomedievale nel territorio del Logudoro Meilogu", in Il Nuraghe Santu Antine nel Logudoro Meilogu, Roma, 1988, pp. 397-432;

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 402-403;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 31;

A. Teatini, "Alcune osservazioni sulla primitiva forma architettonica della chiesa di Nostra Signora di Mesumundu a Siligo (Sassari)", in Sacer, III, 1996, pp. 119-149;

R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 345-347;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, pp. 39-40.

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This