Ploaghe, Chiesa di San Michele di Salvenero

Narrazione:

Il nostro rapporto col passato si alimenta di quelle tracce di vita capaci di resistere tenacemente all’usura del tempo: i ricordi tramandati oralmente, i documenti scritti e le testimonianze materiali, proprio come la chiesa di Sant'Antonio di Salvénero. 

L’edificio infatti, ubicato a poca distanza dall'abbazia benedettina di San Michele, è tutto ciò che rimane del villaggio di Salvénero, abbandonato alla fine del Settecento. 

Non abbiamo fonti documentarie che forniscano notizie su questa chiesa, ma la sua edificazione appare ascrivibile, per ragioni stilistiche, alle stesse maestranze che edificarono, a Chiaramonti, la chiesa di S. Maria di Òrria Pithinna, ora Santa Maria Maddalena, e potrebbe risalire al primo quarto del XIII secolo. 

L’aula è mononavata con abside a sud-est. 

La facciata e l’abside presentano la caratteristica bicromia con filari alterni di calcare e trachite rossa in cantoni di media pezzatura. 

Nella facciata si aprono il portale sopraccigliato e la finestra rettangolare di età successiva, probabilmente aragonese. 

Sempre in facciata vediamo gli archetti paralleli agli spioventi, a doppia ghiera sottile; quelli che decorano l’abside mostrano una ghiera interna semicircolare, ogivale all’esterno. 

Nell’abside incontriamo una corta monofora in asse, centinata a doppio strombo. Infine, da segnalare la presenza di una finestra cruciforme nel muro orientale.

Bibliografia:

V. Angius, voce "Ploaghe", in Goffredo Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il re di Sardegna, XV, Torino, G. Maspero, 1847, p. 456;

D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dall'XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, p. 227;

R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, p. 163;

M. Botteri, Guida alle chiese medievali della Sardegna, Sassari, Chiarella, 1978, p. 103;

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, p. 569;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 53;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 41.

Indirizzo:

07017 Ploaghe SS, Italia

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This