Oschiri, Chiesa di Nostra Signora di Castro

Narrazione:

Siamo soliti associare l’archeologia con l’attività di scavo fisico, sul campo. 

In realtà, l’archeologia è una disciplina molto più ampia e articolata, che consente di ‘scavare’ non solo le realtà fisiche, ma anche quelle concettuali, come le parole e i nomi. 

La chiesa di Nostra Signora di Castro, ad esempio, deve il suo nome alla vicinanza con i resti di un forte romano, denominato in latino “castrum”, che divenne poi il toponimo “Castro” attribuito alla chiesa e alla diocesi di cui fu cattedrale nel Medioevo, nonostante le sue piccole dimensioni. 

Va tenuto presente che, in età medievale, la funzione di cattedrale poteva essere anche attribuita a piccoli edifici, proprio come questo.

L’edificazione della chiesa risale alla metà del XII secolo. 

L’aula presenta pianta a una sola navata e la sua copertura lignea fu realizzata ripetendo il modulo quadrato basato sulla larghezza dell'aula stessa.
La facciata è contornata da possenti paraste d'angolo e risulta articolata da due sottili lesene raccordate da archetti in gruppi di tre, accanto alle quali incontriamo due semicolonne. 

L’illuminazione interna è garantita da monofore a doppio strombo, che si aprono nei fianchi e nell'abside, e da aperture cruciformi nel frontone dell'abside e in facciata.

Visita virtuale

Bibliografia:

V. Angius, "Castra", in G. Casalis Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, III, Torino, G. Maspero, 1837, pp. 277-278;
V. Angius, "Oschiri", in G. Casalis Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, XIII, Torino, G. Maspero, 1845, pp. 608-609;
D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, p. 334;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, p. 72;
A. Sari, "Nuove testimonianze architettoniche per la conoscenza del Medioevo in Sardegna", in Archivio Storico Sardo, XXXII, 1981, pp. 65-116;
F. Amadu, La diocesi medievale di Castro, Ozieri, Il Torchietto, 1984, pp. 18-19;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 406-407;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 18;
R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 279-280;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 53.

Comune:

Oschiri

Indirizzo:

07027 Oschiri SS

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This