Martis, Chiesa di San Pantaleo

Narrazione:

e vicende dello stile romanico in Sardegna si legano anche a un’altra importante corrente stilistica: il gotico italiano. 

L’appellativo “italiano” è dato da un forte legame con le tecniche costruttive consolidate nei secoli precedenti (il romanico, appunto) ed è, quindi, privo dello slancio verticale che caratterizza l'architettura francese, area geografica in cui ha avuto origine il gotico. 

La chiesa di San Pantaleo, il cui toponimo è documentato a partire dal 1341, è proprio un esempio eloquente del gotico italiano, giunto in Sardegna prima della conquista aragonese e della conseguente diffusione dello stile gotico-catalano. 

In assenza di notizie certe sulla sua edificazione, ci si è affidati alla lettura stilistica che la colloca nel primo quarto del XIV secolo. L’edificio, realizzato in conci calcarei, presenta una pianta a tre navate voltate a crociera divise da pilastri, con abside orientata a est. La facciata tripartita mostra la diversa elevazione delle navatelle laterali rispetto a quella centrale. Le paraste d’angolo delimitano lo specchio centrale e si raccordano nel frontone con archetti ogivali trilobati che ne decorano il culmine. In facciata si apre il portale al di sopra del quale incontriamo un grande oculo, un tempo dotato di rosone andato ormai perduto.

La Chiesa di San Pantaleo sorge in un luogo molto suggestivo che ne esalta la bellezza e, nell’allontanarci, non possiamo che rivolgerle un ultimo sguardo ammirato.

Bibliografia:

V. Angius, voce "Martis", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il re di Sardegna, X, Torino, G. Maspero, 1842, pp. 241-215;
D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 411-412;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, p. 237;
V. Mossa, Architettura e paesaggio in Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1981, p. 111;
"Repertorio", a cura di S. Pirisinu, in Le chiese nel verde. Architetture religiose rurali nella provincia di Sassari, Sassari, Amministrazione provinciale di Sassari, 1989, p. 171;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 155;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 36.

Indirizzo:

via San Pantaleo, s.n.c. - 07030 Martis

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This