Ittiri, Chiesa di San Leonardo

Narrazione:

Tra gli appassionati di archeologia, è ampiamente nota la storia dello spostamento, avvenuto intorno al 1960, del colossale tempio egizio di Abu Simbel, a rischio di inondazione in seguito alla costruzione della diga di Assuan. 

Quell’operazione è diventata giustamente una pietra miliare nella storia dell’archeologia mondiale. Ciò che  forse è meno noto è che anche in Sardegna abbiamo importanti esempi di questa pratica coraggiosa e azzardata. 

Uno di questi è rappresentato proprio da due chiese romaniche:  quella di San Pietro di Zuri, e quella di San Leonardo, di cui ci stiamo occupando. 

In seguito alla realizzazione della diga del Cuga, avvenuta a metà del XX secolo, e alla conseguente creazione del bacino artificiale, la chiesa di San Leonardo, con i muri perimetrali residui e ciò che rimaneva dell'abside, fu smantellata e ricostruita più a monte. 

La realizzazione di questa chiesa – detta anche “Santu Nenardu de sa Iddazza” e “San Leonardo di Cuga –  va collocata nella seconda metà del XII secolo. 

Era aggregata ad un monastero e faceva parte della villa di Cuga o Tuta, nella Curatoria di Coros, appartenente al Regno giudicale di Torres, come attestato dai documenti datati 1341 da cui risulta il pagamento delle decime.

Un’iscrizione lapidea – attualmente custodita nella chiesa di San Leonardo a Villanova Monteleone – ci dà notizia di un restauro datato 1538, ad opera di Bernardo Simon, barone di Ittiri e di Uri.

La planimetria dell’edificio si presenta, oggi, a pianta longitudinale con abside semicircolare orientata e copertura sostenuta da capriate di legno. 

La facciata è rivolta ad occidente e risulta divisa in tre specchi da due lesene, quello centrale concluso da una coppia d'arcatelle e quelli laterali da un'arcata cieca; i due fianchi dell’edificio sono decorati con dieci grandi archetti sostenuti, a due a due, da lesene lunghe ed appiattite che partono da una bassa zoccolatura. 

L’illuminazione interna è assicurata da due coppie di monofore che si aprono sui fianchi; nell'abside si trovava un'altra finestra, obliterata durante il restauro.

Bibliografia:

Manlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2006, ISBN 88-7138-430-X.

Francesco Floris, (a cura di), Enciclopedia della Sardegna, Sassari, Newton&Compton editore, 2007

Ittiri. Monumenti e chiese, su comune.ittiri.ss.it.

Comune:

07044 Ittiri SS

Indirizzo:

SS131bis

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This