Codrongianos, Chiesa della Santissima Trinità di Saccargia

Narrazione:

Se fossimo invitati a indicare un solo edificio capace di rappresentare, nell’immaginario collettivo, la valenza di simbolo iconico del romanico in Sardegna, la scelta ricadrebbe sulla chiesa della Santissima Trinità di Saccargia. 

Le ragioni di tale successo sono molteplici: la felice collocazione paesaggistica dell’edificio, le sue dimensioni imponenti, coniugate con una raffinata cura stilistica ed estetica nell’impiego della bicromia e la presenza, nell’abside, di uno dei rari esempi sardi giunti fino a noi di affreschi di epoca romanica.

A partire dal 1112 l'abbazia di Saccargia entrò a far parte dei possedimenti sardi dei monaci camaldolesi. 

Del chiostro e del monastero originari restano oggi solo pochi tratti murari, leggibili a sud rispetto all'edificio. 

La pianta della chiesa è a  croce "commissa” e il transetto è dotato di tre absidi poste a nord-est, pertinenti alla prima fase edilizia (fine dell'XI e inizi del XII secolo), coperte con volte a crociera. 

La facciata risulta dotata di portico e a sud dell’edificio principale si impongono il maestoso campanile e la sagrestia. 

L'aula in origine doveva essere più corta di quella attuale, ma in un secondo momento fu sopraelevata e allungata verso ovest, dotando l’edificio di una nuova facciata articolata in tre ordini. 

In questa seconda fase costruttiva furono realizzati anche il portico, il campanile e la sagrestia. 

La tecnica bicroma che caratterizza l’edificio è opera delle maestranze di formazione pisano-pistoiese, attive nella seconda metà del XII secolo.

Alcuni interventi di restauro ottocenteschi hanno successivamente alterato la fisionomia originaria della chiesa. 

Visita virtuale

Bibliografia:

D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 159-176;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 77-78, 155-157;
P. Sanpaolesi, Il duomo di Pisa e l'architettura romanica toscana delle origini, Pisa, Nistri-Lischi, 1975, pp. 55-57;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 271-299;
A.L. Sechi, Ritrovare Saccargia. Documento grafico-storico della basilica romanica "La SS. Trinità". 1953-57/1992, Cremona, 1992;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 46;
R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 181-191;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. pp. 41-43.

Comune:

07040 Codrongianos SS

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This