Chiaramonti, Chiesa di Santa Maria Maddalena

Narrazione:

La ricerca di dialogo tra creazioni architettoniche e paesaggio rappresenta una delle costanti dello stile romanico.

Ce ne offre un notevole esempio la chiesa di Santa Maria Maddalena di cui il documento più antico risale al 10 luglio1205, quando Maria de Thori, zia del giudice di Torres Comita II, donò l’edificio sacro, allora intitolato a Santa Maria, all'abbazia camaldolese di San Salvatore.

La chiesa, posta nei pressi del villaggio di Orria Pithinna, divenne quindi sede di un priorato camaldolese.

L’impianto, in origine a pianta basilicale con aula unica voltata a botte e abside a sud-est, subì nel corso dei secoli varie trasformazioni.

L’anno 1323, inciso in una mensola interna, fornisce la data di conclusione delle due cappelle laterali innestate nell’edificio, la cui pianta divenne così a croce "commissa".

Un’altra epigrafe, in facciata, ci informa di importanti interventi condotti, anche sul portale, nel 1335 sotto il priore Cenus dal "magister" Petrus Cothu.

Di straordinario interesse è poi l’iscrizione, all’esterno della cappella meridionale, che testimonia la presenza della sepoltura di un misterioso san Autedus.

Oltre alla caratteristica tecnica bicroma usata per la muratura, la chiesa conserva numerosi graffiti e segni lapidari tra i quali molte "orme del pellegrino", una scena di ballo sardo e persino un labirinto medievale, uno dei pochi in Italia, graffito all’esterno nella zona absidale.

Bibliografia:

G. Zanetti, I Camaldolesi in Sardegna, Cagliari, Fossataro, 1974, pp. 113-121;

M. Botteri, Guida alle chiese medievali della Sardegna, Sassari, Chiarella, 1978, pp. 44-45;

A. Sari, "Nuove testimonianze architettoniche per la conoscenza del medioevo in Sardegna", in Archivio Storico Sardo, XXXII, 1981, pp. 113-116;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 52;
G. Piras, "Il sepulcrum sancti Autedi in un’inedita epigrafe trecentesca della chiesa di S. Maria Maddalena a Chiaramonti (Sassari)", «Theologica & Historica», XVIII, 2009, pp. 425-469. https://www.academia.edu/1329197/PIRAS_G_Il_sepulcrum_sancti_Autedi_in_un_inedita_epigrafe_trecentesca_della_chiesa_di_S_Maria_Maddalena_a_Chiaramonti_Sassari_Theologica_and_Historica_XVIII_2009_pp_425_469?auto=download

G. Piras, "Una nuova iscrizione trecentesca dalla chiesa di Santa Maria de Orria Pithinna (Chiaramonti)", «Quaderni Bolotanesi», 36, 2010, pp. 239-255.

Villaggi e monasteri. Orria Pithinna. La chiesa, il villaggio, il monastero, a cura di M. Milanese, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2012. (volume consultabile parzialmente anche su Google Libri)

Comune:

Chiaramonti

Indirizzo:

SS 132 - località Santa Maria Maddalena

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This