Cargeghe, Chiesa di Santa Maria ‘e Contra

Narrazione:

La linguistica ci insegna che i confini di una parola possono essere dilatati fino a diventare un discorso ampio e articolato, ma anche che un ampio testo può esprimersi in una sola parola.

Questo vale anche per gli stili architettonici, dei veri e propri codici espressivi.

Possiamo, infatti, concepire ogni edificio come un testo, capace di veicolare discorsi che possono essere dilatati in forme architettoniche imponenti e complesse o contratti in edifici semplici ed essenziali. 

La chiesa di Santa Maria 'e Contra è uno degli esempi di questa ricerca dell’essenzialità architettonica. 

Non a caso viene considerata la chiesa romanica più piccola della Sardegna. 

Si tratta di una chiesa campestre che era una dipendenza della basilica di Saccargia e troviamo citato il titolo "Sancte Mariae in Contra" a partire dal 1125 fra i possessi sardi di San Salvatore di Camàldoli. 

La chiesa, realizzata in blocchi di calcare di media pezzatura, presenta una planimetria a una sola navata, con l’abside orientata.

L’analisi formale dell’edificio lascia ipotizzare un impiego di maestranze provenienti dalle vicine curatorie di Ploaghe e Goceano, attive intorno alla seconda metà del XII secolo: a questo periodo dovrebbe dunque risalire l’edificazione della chiesa. 

La facciata, con campanile a vela, presenta un portale realizzato con stipiti in blocchi monolitici e sormontato da un arco di scarico rialzato di un concio. 

Due mensole, ancora in posizione originaria, dovevano fare da sostegno a una tettoia o a un portico ligneo sopra lo stesso portale, oggi scomparsi. 

Due piccole finestre cruciformi si aprono una nel prospetto orientale, l’altra sopra l'abside. 

Sui fianchi e nell'abside sono presenti delle monofore a doppio strombo con centina ogivale.

Bibliografia:

Manlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2009, ISBN 88-7138-430-X.

Francesco Floris (a cura di), Enciclopedia della Sardegna, Sassari, Newton&Compton editore, 2007.

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993
R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004.
Roberto Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005.

Comune:

07030 Cargeghe SS

Indirizzo:

Cargeghe

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This