Zerfaliu, Chiesa Romanica di San Giovanni

Narrazione:

Il filosofo Immanuel Kant ci ricorda che tempo e spazio rappresentano la nostra esistenza, traducendola in esperienza interiore. Ogni frammento di passato ne è testimonianza, nella misura in cui in esso si raccolgono ricordi, tradizioni, abitudini e affetti.

La chiesa di San Giovanni Battista risponde pienamente a questa realtà. 

Viste le sue modeste dimensioni, si tratta di un piccolo scrigno risalente al XIII secolo.

L’aula absidata è a una sola navata ed è illuminata da monofore a bocca di lupo con luce a croce. 

Il portale è architravato e, poco al di sopra dell’architrave, sono ancora visibili le concavità destinate originariamente ad accogliere i tradizionali bacini ceramici. 

In un secondo momento, non ben definibile cronologicamente, la chiesa ha subito un ampliamento verso nord: la facciata si è estesa, il piccolo campanile è stato spostato e l'abside è stata decentrata in direzione sud. 

Un chiaro indizio di questa modifica strutturale è rappresentato dai materiali impiegati per le due fasi edilizie: i cantoni ben lavorati in basalto e arenaria sono pertinenti al primo impianto, mentre il pietrame di piccola pezzatura è da conferire all'ampliamento. I muri laterali furono muniti di contrafforti, per prevenire il pericolo di possibili cedimenti. Lavori di restauro eseguiti nel 1981 hanno consentito di rinvenire alcune tombe in pietra, una delle quali stratigraficamente collocata sotto le fondamenta dell'edificio, quindi di datazione più antica. 

Mentre ci muoviamo già in cerca della prossima tappa, il nostro cuore indugia ancora un po’ nel dar commiato a questo piccolo gioiello architettonico.

Bibliografia:

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia Romanica", Milano, Jaca Book, 1989;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993;

R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005.

Indirizzo:

09070 Zerfaliu OR, Italia

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This