Ussana, Chiesa di San Saturnino

Narrazione:

I luoghi sacri e le loro denominazioni possono offrire, a chi se ne interessa, preziose testimonianze o semplici suggestioni in merito ai legami tra i territori, alle relazioni tra i centri urbani, alle connessioni tra le comunità. 

È questo il caso della chiesa di San Saturnino, dedicata appunto al martire cagliaritano, localmente denominato "Santu Sadurru". 

La sua prima menzione appare in un manoscritto del 1581, che la identifica come l'antica parrocchia.

La struttura, edificata con buona probabilità nel primo quarto del XII secolo, è stata realizzata con materiali di vario taglio e pezzatura e presenta una planimetria a due navate e absidi rivolte a nord-est, ciascuna dotata di un portale centinato. 

Le due navate sono divise da arcate irregolari, poggianti su colonne e capitelli di riuso databili al I secolo d.C. 

La navata nord presenta una copertura con volta a botte e sottarchi su mensole.

Un crollo della volta sud in pietra, avvenuto nel XIII secolo, fu l’occasione per sottoporre l’edificio a vari rifacimenti: il rinforzo del muro nord-est, la ricostruzione del muro sud-ovest e la sostituzione della volta in pietra crollata con una nuova in legno. 

Significativa anche l’inversione, risalente al ‘700, dell’asse liturgico. 

Anche la storia recente della chiesa ci riporta testimonianze importanti: fonti documentarie rivelano l’utilizzo della chiesa, nel 1917, come alloggio per i prigionieri di guerra.

Bibliografia:

V. Angius, voce "Ussana", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, XXIII, Torino, G. Maspero, 1853, p. 440;
A. Taramelli, "Ussana - Scoperte di tombe di età incerta in territorio del Comune, regione di Salomea", in Notizie degli Scavi, 1906, pp. 57-58;
P. Piga Serra, "Contributi alla studio delle chiese a due navate in Sardegna, La chiesa di S. Saturnino di Ussana (Cagliari)", in Atti della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cagliari, n. 8, 1980, pp. 353-369;
O. Lilliu, La chiesa di S. Saturnino a Ussana: ricerche e restauri, Quartu Sant'Elena, 1984, pp. 7-63;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 343-344;
G. Nieddu, La decorazione architettonica della Sardegna romana, Oristano, S'Alvure, 1992, sch. 47-48;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 69;
Ussana, a cura di R. Copez, Cagliari, Janus, 1997 (II ed. 1999), pp. 11, 17, 59-60;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 87.

Comune:

09020 Ussana

Indirizzo:

via S. Saturnino, 2

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This