Suelli, Chiesa di san Pietro

Narrazione:

Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche.

Anche in Sardegna incontriamo significativi esempi di questa antica funzione di cuore pulsante della piazza.

Una di queste testimonianze si trova nel centro di Suelli. In età medioevale la "villa" di Suellis faceva parte del giudicato di Cagliari ed era compresa nella curatoria della Trexenta.

Secondo il "Provinciale Romanum", Suellis era sede suffraganea dell'archidiocesi di Cagliari.

Non è per caso dunque che qui, al centro del paese, incontriamo riunite la parrocchiale di San Pietro Apostolo, il santuario dedicato a San Giorgio, con cui comunica attraverso la sagrestia e la cella inferiore del campanile, e la piccola chiesa del Carmine.

Non abbiamo fonti documentarie che ci informino sulla data di edificazione della cattedrale di Suelli.

La prima menzione del titolo risale al 1121-29, quando il vescovo Pietro Pintori, con l'avallo del giudice di Cagliari Mariano-Torcotorio II de Lacon-Gunale, rese pubbliche le donazioni compiute da privati "pro sanctu Petru de Suelli".

Dall'analisi formale delle strutture ancora esistenti – opera di maestranze toscane attive in Sardegna per la prima volta – è possibile desumerne la riedificazione nella prima metà del XIII secolo.

L’edificio fu poi ristrutturato nel XVI secolo, con la creazione delle cappelle laterali e del campanile. Dell'impianto originario si conservano solo poche parti della muratura esterna: il basamento del prospetto, parte di una ghiera da portale, un capitello da stipite ornato con foglie d'acqua e caulicoli e le sagome delle arcatelle parietali.

La planimetria dell’edificio romanico presentava presumibilmente una pianta a tre navate, conclusa da un'abside a sud-est, sostituita in seguito da un presbiterio tardogotico. Cinque specchi connotavano il prospetto caratterizzato dalla presenza di tre portali.

Una monofora nella cui centina è scolpita un'aquila frontale, che artiglia una lepre, si apre sul fianco nord. La cella inferiore del campanile a canna quadrata è un’altra persistenza dell’edificio romanico.

Lasciamo Suelli, portando con noi la forte sensazione di aver compiuto un emozionante viaggio nel passato.

Bibliografia:

V. Angius, voce "Suelli", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, XX, Torino, G. Maspero, 1850, pp. 519-520;
G. Spano, "Antica chiesa di Suelli", in Bullettino Archeologico Sardo, IX, 1863, pp. 8-12;
D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 341-342;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 169-170;
La Provincia di Cagliari. I Comuni, a cura di N. Sciannameo-F. Sardi, Cinisello Balsamo, Silvana, 1985 (II ed.), p. 282;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 353-355;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 94;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 89.

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Onanì, Chiesa di San Pietro

Onanì, Chiesa di San Pietro

iù volte abbiamo avuto occasione di constatare l’intimo rapporto che lega molti edifici del romanico isolano al paesaggio rurale e campestre. Non si tratta di un caso: tale rapporto esprime infatti l’esigenza dell’epoca di porre sotto la protezione divina i luoghi...

Share This