Solarussa, Chiesa di San Gregorio

Narrazione:

Dal Vocabolario Treccani apprendiamo che i palinsesti sono “manoscritti antichi, su papiro o, più frequentemente, su pergamena, il cui testo originario è stato cancellato mediante lavaggio e raschiatura e sostituito con altro disposto nello stesso senso (in genere nelle interlinee del primo), o in senso trasversale al primo”. 

In ambito architettonico, sono molti gli edifici che presentano analoghi connotati e uno di questi è proprio la chiesa di San Gregorio.

L’edificio, caratterizzato da una struttura molto semplice e da una raffinata tecnica di lavorazione delle pietre, presenta un pavimento e una vasca databili alla prima età romana, forse appartenenti a un edificio termale.

Ma non solo: è visibile anche un secondo pavimento in battuto, pertinente alla chiesa romanica e le fondamenta sono relative a una chiesa, preesistente, altomedievale con aula a navata unica.

L’analisi formale dell’edificio e il riferimento al toponimo “Solagrussa o Solarossa” in due atti del "Condaghe di Santa Maria di Bonarcado", datati XII e XIII secolo, ci aiutano a inquadrare la sua realizzazione nella seconda metà del XII secolo.

La padronanza delle tecniche di lavorazione dei conci e l’essenzialità stilistica suggeriscono la possibilità che la chiesa sia stata edificata dalle stesse maestranze che realizzarono la chiesa di Santa Maria di Bonarcado tra il 1110 e il 1147.

La struttura presenta una pianta longitudinale e l’abside orientata a est. 

In facciata si apre il portale con architrave, lunetta bicroma e centina a tutto sesto. 

Probabilmente, la sommità della facciata era decorata da un bacino ceramico, ormai perduto, di cui si intravedono le tracce. Un secondo portale dona a questo luogo di culto un aspetto unico e suggestivo. 

Ci allontaniamo dalla chiesa di San Gregorio portando con noi la sua preziosa semplicità.

Bibliografia:

V. Angius, "Solarussa", in G. Casalis, Dizionario geografico Storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, XX, Torino, G. Maspero, 1850, pp. 248-255;

F. Cherchi Paba, Solarussa e Il Campidano Maggiore, Cagliari, 3T, 1978, pp. 16-18;

"Tre esempi di intervento di restauro: Solarussa, chiesa di San Gregorio; Villanova Truschedu, chiesa di San Gemiliano; Zerfaliu, chiesa di San Giovanni battista", schede di A. Ingegno-D. Mureddu-G. Stefani, in Nurachi. Storia di una ecclesia, Oristano, S'Alvure, 1985, pp. 101-109;

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 373-374;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 25;

R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 268-269;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 78.

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This