Serdiana, Chiesa di Santa Maria di Sibiola

Narrazione:

Uno degli elementi che connota il mondo delle chiese romaniche è certamente l’infinito gioco di specchi stilistici e rimandi tematici che trasforma l’insieme delle strutture romaniche sarde in un vero e proprio organismo architettonico pulsante e coerente.

Ne è manifesta testimonianza la chiesa di Santa Maria, appartenente alla ''villa'' medioevale di Sibiola, registrata dal 1215 alla fine del XVI secolo, appartenete alla curatoria di Dolia e facente parte del giudicato di Cagliari.

La più antica attestazione del titolo della chiesa compare nell'ultimo inventario, risalente al 1338, riguardante i beni posseduti in Sardegna dai Vittorini di Marsiglia.

La struttura presenta una pianta a doppia navata, una delle meglio conservate in Sardegna. Le due navate sono diseguali (la maggiore è quella sud) sono divise da quattro archi su bassi pilastri con capitello.

Entrambe sono coperte con volta a botte scandita da sottarchi, che si configurano come prezioso elemento datante: essi trovano infatti puntuale confronto con quelli presenti nella chiesa di San Saturnino di Cagliari (1089-1119), che rappresentò un modello ispiratore per l’edificazione di diverse chiese sarde da parte delle maestranze al servizio dei Vittorini.

Mentre la muratura interna è realizzata in cantoni di arenaria, quella esterna mostra cantonetti subsquadrati nei fianchi e nelle absidi e filari di conci squadrati nella facciata; tra questi si inseriscono conci di vario colore e gli alloggi per i bacini ceramici andati perduti ad eccezione di un frammento.

Degna di nota la soluzione geometrica seguita per la disposizione a rettangolo degli incavi nella parte superiore del prospetto.

Al centro della facciata rileviamo la presenza di un concio con incavi per tarsie, oggi risarcite daii restauri, che presenta un cerchio radiante.

La facciata è quadrata, circoscritta da paraste d'angolo; sono andati perduti gli spioventi e il campanile a vela, di cui restano i conci di base.

Una piccola scala esterna costruita sul fianco sinistro del campanile ne consentiva l’accesso.

Nove archetti pensili a tutto sesto poggianti su peducci decorati segnano il prospetto, per poi proseguire lungo i fianchi con altri archetti archetti pensili.

Dopo aver degnamente reso omaggio a questo bell’edificio, possiamo ora riprendere il nostro cammino, già protesi verso il prossimo incontro.

Bibliografia:

Stati di S.M. il Re di Sardegna, XVIII, Torino, G. Maspero, 1849, p. 885;
D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 74, 330;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 59-61;
A. Boscolo, L'abbazia di San Vittore, Pisa e la Sardegna, Padova, CEDAM, 1958, p. 141;
F. Segni Pulvirenti, ''Santa Maria di Sibiola in agro di Serdiana: un paesaggio una architettura'', in Serdiana. Santa Maria di Sibiola, Dolianova, s.d., pp. 23, 25.
R. Serra, La Sardegna, collana ''Italia romanica'', Milano, Jaca Book, 1989, pp. 340-342;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana ''Storia dell'arte in Sardegna'', Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 67;
R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana ''Patrimonio artistico italiano'', Milano, Jaca Book, 2004, pp. 254-255;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, pp. 87-88.

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This