Semestene, Chiesa romanica San Nicola di Trullas

Narrazione:

Un buon modo per accostarci all’architettura romanica può essere quello di interpretare ogni edificio come un creativo esercizio stilistico, volto a declinare con originalità il codice romanico. 

Con questo spirito possiamo intraprendere la conoscenza della chiesa di San Nicola di Trullas, una delle più belle e significative manifestazioni di questa corrente. Le carte del ''Condaghe di San Nicola di Trullas'' (XII-XIII secolo) danno notizia della sua donazione, databile al 1113, da parte della famiglia degli Athen ai monaci Camaldolesi.

La denominazione di Trullas compare già in questo atto di donazione e potrebbe riferirsi a una più antica chiesa bizantina cupolata:  infatti il termine “trudda” è la versione logudorese del greco e del latino “troulla/trulla” che significa “cupola”. 

L’edificio, realizzato con l’impiego di conci in calcare associati a elementi in trachite, è a una sola navata, articolata in due campate quadrate separate da un sottarco impostato su lesene e coperte da volte a crociera. 

Una cornice orizzontale ripartisce la facciata: la parte alta presenta una serie di archetti su colonnine che creano una falsa loggia, mentre nella parte bassa troviamo il portale architravato con arco di scarico a sesto rialzato. 

La presenza, all’interno, di pregiati affreschi databili nei primi decenni del XIII secolo, rendono la visita di questa chiesa ancor più interessante.

Bibliografia:

V. Angius, ''Sassari'', in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistco-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, XVIII, Torino, G. Maspero, 1849, p. 323;

V. Angius, ''Semestene'', in Goffredo Casalis, Dizionario geografico storico-statistco-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, XVIII, Torino, G. Maspero, 1849, pp. 833-834;

D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari, Montorsi, 1907, pp. 121-124;

R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 109-111;

G. Lilliu, ''Trulla ''cupola'' in Sardegna'', in Archivio Storico Sardo, XXVI, 1959, pp. 509-521;

G. Zanetti, I Camaldolesi in Sardegna, Cagliari, Fossataro, 1974, pp. 81-112;

M. Pintus, ''La chiesetta di San Nicola di Trullas'', in Atti della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cagliari, 4, 1976, pp. 275-302;

R. Serra, La Sardegna, collana ''Italia romanica'', Milano, Jaca Book, 1989, pp. 389-391;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana ''Storia dell'arte in Sardegna'', Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 10;

R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana ''Patrimonio artistico italiano'', Milano, Jaca Book, 2004, pp. 102-110;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, pp. 56-57.

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This