San Vero Milis, Chiesa di Santa Sofia

Narrazione:

La “domo de sancte Eru” (antico nome di San Vero Molis) è documentata in diversi atti del “Condaghe di S. Maria di Bonarcado” (XII-XIII sec.), ma nessuna fonte tramanda notizie esplicite sull’origine romanica della chiesa. 

Tale origine è deducibile dalla lettura di una residua struttura muraria, sopravvissuta alla ristrutturazione radicale dell’edificio in forme rinascimentali, avviata nell'ultimo ventennio del XVI secolo e terminata nel 1604.

Il rinnovamento fu a opera del genovese Agostino Carchi e del cagliaritano Francesco Escano, come riportato nell’epigrafe collocata sullo stipite destro dell'arco trionfale. 

La testata del presbiterio, ubicata a sud-est, è in linea con un tratto di paramento bicromo ad angolo retto e con una porzione muraria simile, rivolta a nord-est. 

Filari di conci di media pezzatura in arenaria e basalto poggiano sullo zoccolo a scarpa dritta, conclusi da cornice a sguscio. 

L’esiguità delle murature superstiti rende difficile precisare la natura architettonica della struttura rispetto all’edificio romanico cui apparteneva, tuttavia possiamo attribuire l’opera bicroma, di raffinata fattura, alle maestranze attive in Arborea nel primo quarto del XIII secolo. 

L’aula, a navata unica e voltata a botte, è ripartita, in tre ampie campate, da sottarchi a tutto sesto che poggiano su paraste tuscaniche. 

Su di essa si affacciano tre cappelle per lato, coperte con volte a padiglione lunettato: la loro inconsueta profondità conferisce all’edificio un grande senso di ampiezza e luminosità. 

Il prospetto è più tardo, segnato da una forte tendenza eclettica locale che compone elementi gotici, rinascimentali e barocchi riletti in chiave vernacolare con chiari intenti grafico-planari. 

Mentre ci incamminiamo verso la prossima tappa del nostro viaggio, perdura in noi l’effetto vertiginoso dello stile poliedrico in cui siamo stati immersi. 

Indirizzo:

Via del Bianco, 6, 09070 San Vero Milis OR, Italia

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This