Pula, Chiesa di Sant’Efisio Martire di Nora

Narrazione:

Le identità collettive si nutrono di ricordi individuali. Il setaccio della storia li seleziona per tradurli in memoria e quindi in cultura. 

Tali identità richiedono manutenzione e cure incessanti, affidate a specifici custodi: persone, rituali, oggetti, luoghi. 

La chiesa di Sant’Efisio Martire a Nora – l’antica città di origine fenicia, poi punica e infine romana – è uno di questi custodi. 

Per i sardi infatti Sant’Efisio è la figura tutelare dell’identità collettiva isolana, capace di placare – almeno una volta all’anno – conflitti e divisioni campanilistiche. 

Dal 1657, ogni primo maggio la statua del santo (realizzata nel XVII sec.) esce dalla chiesa di Stampace a Cagliari e si avvia in processione verso Nora, dove soggiornerà fino alla mattina del 4 maggio per poi tornare alla propria sacra dimora cagliaritana. 

La chiesa di Nora, ubicata in riva al mare, venne edificata in epoca altomedievale nell’area di necropoli pertinente alla città fenicio-punica, nel luogo in cui la tradizione individua il martirio del santo. 

A questa originaria fase edilizia paiono riconducibili la struttura cupolata e la cripta ubicate nell’area del presbiterio. 

Nel 1089 il giudice cagliaritano Costantino Salùsio II de Lacon Gunàle donò il titolo, e dunque la proprietà, della piccola chiesa di Sant’Efisio ai monaci benedettini dell'abbazia di San Vittore di Marsiglia. Il santuario fu allora riedificato in stile protoromanico, utilizzando come materiale da costruzione blocchi in calcare e arenaria di riuso. 

Oggi la chiesa presenta una pianta a tre navate, coperte con volte a botte poggianti su sottarchi. 

A sud-est troviamo l’abside, priva di finestre. 

In origine, la facciata romanica era posizionata dove ora troviamo il campanile a vela; tra il XVII e il XVIII secolo fu modificata per addossarvi un atrio porticato. 

Connessioni tematiche:

Festa religiosa di Sant’Efisio. Nora.

Bibliografia:

V. Angius, voce "Pula", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il re di Sardegna, XV, Torino, G. Maspero, 1847, pp. 779-780;

A. Della Marmora, Itinerario dell'isola di Sardegna, Cagliari, Alagna, 1868, pp. 101-102;

R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 54-55;

F. Fois, "Una nota su tre chiese vittorine del Cagliaritano", in Archivio Storico Sardo, XXIX, 1964, pp. 277-284;

M. Botteri, Guida alle chiese medievali della Sardegna, Sassari, Chiarella, 1978, p. 113;

R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, p. 336;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 5;

R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 248-249;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 100.

Comune:

Pula

Indirizzo:

viale Nora, s.n.c. - 09050 Pula

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This