Morgongiori, Chiesetta Santa Sofia

Narrazione:

I luoghi sono custodi di memorie e chi li ha vissuti lascia tracce del proprio passaggio, che si traducono in riti di natura profana o sacra. 

La chiesa di Santa Sofia (Santa Assuina o Santa Suia, nell’originaria denominazione locale), custodisce una di queste memorie: la tradizione tramanda infatti la notizia che la chiesa di Santa Sofia appartenesse ad un villaggio medievale assalito e distrutto dai ‘barbari ’ nella prima metà del XVI secolo. 

Coloro che sfuggirono alla cattura e al massacro avrebbero poi trovato rifugio nel luogo in cui oggi sorge il paese di Morgongiori. La sagra dedicata alla Santa avrebbe avuto origine proprio allora e si rinnova ogni anno il 15 e il 16 ottobre. 

La struttura, con copertura a doppio spiovente, presenta un andamento longitudinale orientato sull’asse sud-est/nord-ovest, con ingresso rivolto a nord-ovest. 

Sul prospetto principale incontriamo, sorretto da due pilastrini a base quadrata, un piccolo porticato che protegge il portone di ingresso alla chiesa.

Al culmine degli spioventi vediamo una croce in ferro e il campanile a vela a doppio spiovente,  sormontato da una piccola croce in pietra bianca e privo di campane. 

Nella parete posteriore e ai lati sono presenti delle aperture quadrangolari che permettono alla luce naturale di illuminare l’interno della chiesa. 

Al corpo principale è stato addossato un fabbricato moderno a pianta rettangolare allungata, utilizzato probabilmente come locali di servizio (civile o religioso) durante la festa della santa. 

L’edificio ha subito diversi interventi di restauro piuttosto invasivi, che ne compromettono la lettura dell’impianto originario, la cui datazione non appare facilmente deducibile, ma la chiesa dev’essere stata realizzata prima della data di abbandono definitivo dell’insediamento medievale, all’inizio del XVI secolo. 

Allontanandoci da questo luogo, pare ancora di sentire vive le voci delle anime che vissero le tragiche vicende a cui questo edificio è così fortemente legato.

Bibliografia:

R. Serra, La Sardegna, collana ''Italia romanica", Milano, 1989;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, 1993;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, 2005.

Indirizzo:

Indirizzo: Chiesa campestre sulle pendici occidentali del Monte Arci, al confine con i comuni di Marrubiu e Uras, complanare SS 131 – Morgongiori, Provincia di Oristano  

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This