Massama, Oratorio delle Anime

Narrazione:

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana.

Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne trattengono la traccia verbale.

Pare questo il caso di Massama, l’antica Marsima, un toponimo che secondo alcuni studiosi deriverebbe dall'ubicazione dell'abitato lungo la "via maxima", la strada che in età romana collegava Tharros e Forum Traiani (odierna Fordongianus).

A Massama incontriamo l'Oratorio delle Anime, un edificio di origine altomedievale – come attesta l'antica dedica a San Nicola, vescovo di Mira – su cui agirono gli interventi successivi di epoca romanica (prima metà XIII secolo). La chiesa presenta una pianta cruciforme; al posto del braccio est incontriamo però un’abside di considerevoli dimensioni caratterizzata da una particolare forma a "ferro di cavallo".

Un tiburio ottagonale si innesta all’incrocio dei bracci. La facciata presenta un profilo a spioventi , con paramento liscio privo di finestre. Qui si apre l’essenziale portale d'accesso.

Poco al di sopra del portale si nota un filare di conci segnate dalle cavità create per accogliere i tipici bacini ceramici.

Il campanile è in mattoni cotti, in contrasto col resto della chiesa in pietra: questo potrebbe essere indizio di una sua realizzazione in un momento successivo.

Prendiamo così commiato dalla chiesa dell’Oratorio delle Anime, confidando che la nostra visita possa aver contribuito ad alleviare la loro permanenza nel Purgatorio.

Visita virtuale

Bibliografia:

V. Angius, "Massama", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, X, Torino, G. Maspero, 1842, pp. 375-385;
R. Serra, "L'oratorio delle Anime a Massama (con rilievi del monumento curati da Augusto Garau)", in Annali delle Facoltà di Lettere, Filosofia e Magistero dell'Università di Cagliari, XXXIV, 1971, pp. 33-55;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 103;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 76.

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Onanì, Chiesa di San Pietro

Onanì, Chiesa di San Pietro

iù volte abbiamo avuto occasione di constatare l’intimo rapporto che lega molti edifici del romanico isolano al paesaggio rurale e campestre. Non si tratta di un caso: tale rapporto esprime infatti l’esigenza dell’epoca di porre sotto la protezione divina i luoghi...

Share This