Iglesias, Cattedrale di Santa Chiara

Narrazione:

La Cattedrale di Santa Chiara venne realizzata tra il 1284 e il 1288 per volere del Conte Ugolino della Gherardesca, famoso per essere stato citato da Dante Alighieri nella sua Divina Commedia. Questa è una delle pochissime chiese cattedrali dedicate alla Santa d’Assisi che fu canonizzata nel 1255. 

Dell’originario edificio romanico permane la facciata divisa in due ordini da una cornice modanata. Nel primo ordine si apre il portale architravato, mentre nel secondo campeggia un oculo racchiuso entro due finestre dal profilo gotico, oggi obliterate. 

La parte terminale, a due spioventi, è percorsa da archetti gotici. 

Al lato destro del prospetto si erge la torre campanaria con quattro bronzi antichi fra i quali spicca, per dimensioni, quello fuso dal pisano Andrea di Guidotto tra il 1337 e 38. 

La chiesa di Santa Chiara divenne cattedrale nel 1503 per volontà di Papa Giulio II della Rovere e da quel momento accolse entro le sue mura il culto di Sant’Antioco, patrono della diocesi locale che ebbe nell’antica Sulci, odierna Sant’Antioco, la sua prima sede. Per adeguare questo edificio al nuovo ruolo di centro di irradiazione spirituale di tutto il territorio si resero necessari numerosi adeguamenti. Quelli di gusto tardo gotico iniziarono nel corso del XVI secolo e comportarono la costruzione di un nuovo vasto presbiterio, la realizzazione di una nuova copertura con volte a crociera dotate di gemme di volta, scolpite con le figure dei santi più venerati nella diocesi, e proseguirono con la costruzione di quattro ambienti laterali con funzione di cappelle confraternali. Agli inizi del Seicento, il culto di Sant’Antioco si rafforzò ancora in seguito al ritrovamento delle sue spoglie all’interno delle catacombe di Sulci, che allora era spopolata e minacciata dalle incursioni barbaresche. 

Le venerate reliquie vennero dunque messe in salvo e piamente condotte in Santa Chiara dove, a sinistra dell’altare maggiore, si edificò un’apposita cappella cupolata che si conserva ancor oggi e nella quale troneggia un maestoso altare in legno dorato dei primi venti anni del ‘700, ora impreziosito dalla presenza del seicentesco simulacro di Antioco. 

Nel corso del XIX Secolo si costruì infine una grande cappella speculare a quella del venerato Patrono e così l’edificio religioso raggiunse l’attuale sviluppo planimetrico a croce latina. 

Visita virtuale

Connessioni tematiche:

Il Conte Ugolino Della Gherardesca e la Sardegna

Bibliografia:

V. Angius, voce "Iglesias", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, VIII, Torino, G. Maspero, 1841, p. 446;

D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 241-243;

R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 215-218;

M. Freddi, "Un rilievo della cattedrale di Iglesias", in Bollettino del Centro di Studi per la Storia dell'Architettura, XVII, 1961, pp. 129-136;

R. Serra, "L'architettura sardo-catalana", in I Catalani in Sardegna, a cura di J. Carbonell-F. Manconi, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1984, p. 141;

M. Tangheroni, La città dell'argento, Napoli, Liguori, 1985, passim;

R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 156;

F. Segni Pulvirenti-A. Sari, Architettura tardogotica e d'influsso rinascimentale, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1994, sch. 49;

R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 105.

R. Poletti, Arte e storia in Santa Chiara, cattedrale di Iglesias, Iglesias, CTE, 2011. 

Comune:

Iglesias

Indirizzo:

Piazza Municipio, 7, 09016 Iglesias SU

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This