Ghilarza Chiesa San Pietro di Zuri

Narrazione:

Vi sono monumenti che sembrano nascere già destinati ad eccellere, nella storia.

Così appare la chiesa di San Pietro di Zuri a chiunque si avventuri ad apprendere le vicende che l’hanno vista come protagonista. L’ultima di tali vicende è un’ardita impresa di salvataggio: negli anni ‘20 del secolo scorso la chiesa e il paese furono infatti trasferiti dal sito originario lungo le rive del Tirso, a monte, per evitarne la sommersione a seguito della creazione del bacino artificiale del lago Omodeo.

Ma questa non è certo l’unica ragione che ne giustifichi la fama: questo edificio – costruito impiegando l’andesite rossa proveniente dalle cave dell'altopiano di Ghilarza – presenta infatti un altro elemento di eccezionalità: un'epigrafe in facciata riporta la data della sua costruzione (1291), celebra il suo costruttore (il maestro Anselmo da Como) e tramanda il nome della badessa committente (Sardinia de Lacon).

L'aula è longitudinale con tetto ligneo; l'abside, in origine era canonicamente orientata, è oggi dislocata a nord.

L'abside attuale è quella ricostruita entro il 1336: presenta una pianta semiesagonale e copertura a catino emisferico; quella originaria aveva invece pianta semicircolare. All'interno è stata ricavata una nicchia trilobata il cui pilastrino destro apparteneva in origine alla sommità della facciata.

La parte inferiore appare articolata in tre specchi da arcate a tutto sesto modanate a doppio toro e sopraccigliate. Il portale è ubicato nello specchio centrale.

Un fregio a torciglione ribatte internamente lunetta e stipiti; architravi e stipiti presentano decorazioni con figure antropomorfe e zoomorfe. La parte superiore della facciata non è quella originale, ma è stata ricostruita nel 1504.

Una bifora originaria – oggi perduta, ma di cui sono stati recuperati i resti – è stata sostituita da una finestra rettangolare in asse con il portale.

Allineato a sinistra della facciata troviamo un grande campanile a vela a doppio ordine di bifore archiacute. Il commiato da questa chiesa lascia in noi la consapevolezza di aver vissuto il privilegio di un incontro davvero straordinario.

Visita virtuale

Bibliografia:

C. Aru, San Pietro di Zuri, Reggio Emilia, Officine Grafiche Reggiane, 1926;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, pp. 201-206;
S. Naitza, "Da qui a lì", in Almanacco di Cagliari '86, Cagliari, 1985, senza pagine;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 379-381;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 144;
R. Coroneo-R. Serra, Sardegna preromanica e romanica, collana "Patrimonio artistico italiano", Milano, Jaca Book, 2004, pp. 233-241;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, pp. 68-69.

Comune:

Ghilarza

Indirizzo:

piazza San Palmerio, s.n.c. - 09074 Ghilarza 

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This