Gesico, Chiesa di Santa Maria d’ Itria

Narrazione:

Lo studio del passato si nutre inevitabilmente di indizi e di frammenti di memoria. 

Ogni elemento può così diventare prezioso per lo storico impegnato a dipingere un quadro di conoscenze che possa offrire un’immagine mai esaustiva, ma quanto meno scientificamente plausibile, della porzione di passato esaminata. 

Il culto verso la Madonna d'Itria, venerata in numerose località della Sardegna, è uno di questi indizi. 

Si tratta, infatti, di un culto connesso alla tradizione religiosa greco-orientale, ogni chiesa che presenti questa dedica è una diretta testimonianza del retaggio culturale lasciato dietro di sé dagli oltre sei secoli di dominazione bizantina della Sardegna. 

Il discorso vale dunque anche per la nostra chiesa di Santa Maria d’Itria a Gesico, la cui edificazione sembra risalire al XIII secolo, come testimoniano fonti documentarie già del 1215, che la citano anche come la prima chiesa parrocchiale del villaggio.

Si tratta di un edificio ad unica navata, caratterizzato dal presbiterio sopraelevato di un gradino rispetto al pavimento dell’aula e da un’abside semicircolare. 

Oggi i muri laterali si presentano intonacati e tinteggiati, ma in origine i conci impiegati per la costruzione erano stati lasciati a vista. 

La facciata, originariamente dotata di campanile a vela con campana in bronzo – poi eliminato –  è modulata in tre parti da lesene poste sui lati del portale d'ingresso, sormontato da un architrave che mostra incisa la data 1305. 

I prospetti laterali sono movimentati da una serie di archetti pensili poggianti su peducci. 

La parte posteriore è connotata dalla presenza dell’abside semicircolare dotata di una piccola monofora strombata verso l'interno. 

La porzione superiore dell’abside presenta una serie di archetti pensili a tutto sesto poggianti su peducci decorativi. 

Bibliografia:

Manlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2009.

Francesco Floris (a cura di), Enciclopedia della Sardegna, Sassari, Newton&Compton editore, 2007.

Comune:

Gessico

Indirizzo:

via Sant'Amatore

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This