Bidonì, Chiesa di San Pietro

Narrazione:

Ciò che chiamiamo arte è l’espressione più esplicita della cura estetica che connota, fin dagli albori dell’umanità, il nostro modo di stare al mondo. 

A volte, questa propensione estetica ha percorso le strade della magnificenza; in altri casi, invece, è la semplicità essenziale a guidare la mano di artigiani, artisti e architetti. 

È questo il caso della chiesa di San Pietro, caratterizzata da un’estrema essenzialità formale. 

Un documento, databile agli inizi del XII secolo, offre la più antica menzione di questa chiesa, cioè l'atto con cui il giudice arborense Costantino I de Lacon-Serra fonda il monastero camaldolese di Santa Maria di Bonarcado. 

Tra le chiese affidate al monastero troviamo citata anche  la "domo de sanctu Petru de Vidoni". 

Già nella seconda metà del XII secolo l'edificio fu oggetto di una ricostruzione, forse da associare alla donazione della curtis di Bidonì alla catalana Agalbursa de Bas, andata in sposa, nel 1157, al giudice di Arborea Barisone I de Lacon-Serra, divenuto poi Re di Sardegna. 

L’aula è a una sola navata, con copertura in legno, e presenta un’abside orientata ad est, in asse con l’edificio, segnata dalla presenza di una monofora. 

Le pietre impiegate per la costruzione, ben lavorate, offrono un efficace effetto cromatico, giocato su tonalità che variano dal rosso al giallo pallido. 

La facciata è segnata dal portale sormontato da architrave e lunetta, e presenta – inciso su un concio collocato a sinistra – lo schema grafico di una chiesa, contornata da un’altra più grande: è forse la ‘sigla’ dell’appartenenza della ‘domo’ di S. Pietro all’abbazia di Bonarcado. 

Un altro portale, ora murato, si apriva originariamente sul lato sud della chiesa, connotato anche dalla presenza di due monofore. 

Rileviamo, come uniche eccezioni all’estrema sobrietà decorativa della chiesa, il sopracciglio inciso sullo sguscio nella sommità della monofora dell’abside e la serie di archetti a tutto sesto impostati su peducci decorati, che coronano l'abside subito al di sotto della copertura.

Bibliografia:

V. Angius, "Bidonì", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, II, Torino, G. Maspero, 1833, pp. 293-297;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, pp. 374;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 28;
M. Picciau, "L'architettura sommersa. Note sulla chiesa camaldolese di San Pietro di Bidonì", in Quaderni Bolotanesi, 21, 1995, pp. 165-182;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 69

Comune:

09080 Bidonì OR

Indirizzo:

Via Taloro, 8

Potrebbero interessarti anche

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu

Tergu, Nostra Signora di Tergu Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari ordini monastici attivi in Sardegna in età medievale.  Molte chiese del romanico isolano hanno intrecciato la propria storia con quella di vari...

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro

Suelli, Chiesa di san Pietro Nel medioevo molte città e centri abitati videro il manifestarsi di una continuità d'uso tra il foro e la piazza principale, destinata a mercato e progressivamente arricchita di edifici e funzioni pubbliche. Anche in Sardegna incontriamo...

Massama, Oratorio delle Anime

Massama, Oratorio delle Anime

La storia dell’umanità ha seguito spesso i percorsi segnati dalle vie di comunicazione, nella loro eterogenea conformazione che va dai semplici sentieri sino alle imponenti vie imperiali di età romana. Questa relazione si fa manifesta ad esempio nei toponimi, che ne...

Share This